Home » Chi siamo » Polyteknos e Accoglienza

Polyteknos e Accoglienza

Una Community di esperti, tra volontari, ricercatori ed imprenditori, costituitasi nel 2020, avendo specifica attenzione anche agli “ultimi”, perché siano impegnati a far propria una sfida ormai ineludibile per ogni comunità territoriale.

La sfida, a partire dagli anni 2021-2023, sarà affrontata con le dirette competenze interdisciplinari ed intersettoriali dei partecipanti alla community per offrire ad ogni comunità territoriale costituita soluzioni avanzate per “chiudere i cicli” ed esprimere quell”ecologia integrale molto apprezzata nei documenti istituzionali o nel PNRR governativo, ma lungi da essere applicata azzerando ogni altra attività che genera scarti e fattori inquinanti, o che determina conflitti e l’incremento dell’attuale diseguaglianza sociale in Italia e nel mondo.

In sintesi una Community volta alla NEXT GENERATION, che auspica cambiamenti radicali possibili con “progetti” e “servizi di ingegneria integrata”, illustrati nei vari capitoli.

I progetti e servizi di ingegneria integrata evocano qui sinteticamente la “visione” di Polyteknos e Accoglienza, insita nel LOGO e nel NOME, per un TERZO SETTORE che sia protagonista di quei cambiamenti.

Logo Polyteknos e Accoglienza
Logo Polyteknos e Accoglienza

Il “Logo”: simboleggia una “casa” che esprime le scelte di fondo: una “casa-comunità” da realizzare con regole che permettano l’azzeramento di sprechi di risorse e la chiusura dei cicli, proprie dell’economia circolare, traendo l’energia necessaria dal sole e da piante che assorbano la CO 2 e producano alimenti, riciclando le acque, chiudendo i cicli interni, ed azzerando scarti inquinanti nell’ambiente.

La “casa-comunità” ipotizzata da Polyteknos e Accoglienza sarà concepita come “incubatore” per le nuove generazioni di ogni etnia, con una specifica attenzione a chi vive in condizioni di precarietà o di esclusione. Sarà un “modello” ripetibile ed adattabile ad altre “case-comunità” ovunque nel mondo, se interessate a cooperare e condividere scambi di materiali, energie ed informazioni utili a soddisfare insieme i bisogni primari di cibo, di energia, di relazioni sociali solidali, in ambienti non inquinati.

Il Nome: “POLYTEKNOS”, cioè più arti e mestieri, per evidenziare le interdipendenze tra discipline e settori, cogliendo le retroazioni positive e negative di ogni innovazione nel loro impatto con l’ambiente in cui si vive e si lavora; “ACCOGLIENZA” per affermare l’incontro e la solidarietà con i cittadini, sin dalla prima infanzia, da coinvolgere nel rispetto di ogni altro organismo vivente, in coerenza con stimoli intelligenti colti in Europa.

Polyteknos e Accoglienza ha pianificato percorsi ed azioni capaci di coinvolgere in più momenti i luoghi dove si formano le nuove generazioni e dove, sin dai primi giorni di vita, si consolidano i loro saperi e comportamenti iniziali, indotti, per lo più, dalle informazioni e dai comportamenti degli adulti a loro prossimi. E’ nella casa che le nuove generazioni iniziano il loro percorso di vita, e si precisano i bisogni primari per vivere, ma si avvertono anche le prime diversità e diseguaglianze sociali.